La “Girandola” pirotecnica di Roma

Nel giorno dei Santi Pietro e Paolo, patroni della città, a Roma si celebra una tradizione lunga più di cinquecento anni legata al famoso spettacolo pirotecnico, noto come Girandola, messa in scena in origine a Castel Sant’Angelo.

L’inizio dello spettacolo è ispirato al miracolo del 29 agosto del 590 d.C: papa San Gregorio Magno vide apparire l’Arcangelo San Michele sopra la mole Adriana, sotto forma di luce accecante e nell’atto di rinfoderare la spada, annunciando la fine della terribile peste che colpiva la città. Visto che la peste cessò il giorno seguente, il pontefice cambiò il nome del mausoleo di Adriano in Castel Sant’Angelo.

Lo spettacolo, tradizionalmente attribuito a Michelangelo (quando era al servizio di papa Giulio II), e perfezionato un secolo più tardi dalla creatività di Bernini, ha origine nel lontano 1481, durante il pontificato di Sisto IV (1471-1484), quando lo Stato Pontificio celebrava le principali ricorrenze con dei fuochi allestiti sopra l’ingresso di Castel Sant’Angelo a formare una girandola, con una celebre fontana finale che zampillava su tutto il monumento.

In queste occasioni la stessa architettura della Mole di Adriano diveniva punto focale: i fuochi iniziavano dai torrioni laterali per concludersi con il grande fuoco centrale, nella parte più alta della struttura.
“La Maraviglia del Tempo”, anche così era chiamata, in realtà veniva utilizzata per celebrare non solo i santi patroni di Roma, ma i principali eventi e festività religiose dell’anno:  come la Santa Pasqua, l’incoronazione del nuovo Papa, addirittura per i loro compleanni, e per le venute dei principi.

Citata dai “maestri liturgici” tra 1500 e 1600, raccontata nei sonetti del Belli e nelle pagine di Dickens, raffigurata da celebri pittori, immortalata nelle stampe di Piranesi, questo singolare “prisma  pirotecnico” era un unicum in questo tipo di arte. Non si trattava, quindi, di un semplice fuoco d’artificio, ma la Girandola era un evento che richiamava spettatori da tutta Europa, un appuntamento dove accorrevano stranieri di ogni grado e ceto sociale.

Nel 1886 lo spettacolo, ritenuto troppo pericolo dalle autorità italiane, venne interrotto. Dopo alcuni secoli di inattività, nel 2006 lo spettacolo fu rievocato sul Colle Vaticano per celebrate i 500 anni di fondazione della Guardia Svizzera. Nel 2008 l’evento è stato replicato nella sua sede originale di Castel Sant’Angelo, fino al 2016 quando è stato spostato sulla terrazza del Pincio, di fronte a Piazza del Popolo. Lo spettacolo pirotecnico è a cura di NonaInvicta.

 

Ecco una Gallery dello spettacolo quando ancora si svolgeva nella suggestiva cornice di Castel S.Angelo.

Ti è piaciuto questo post? Lasciaci un commento! Condividilo su facebook o seguici sulla nostra pagina RomaVerso per rimanere aggiornato sui nostri tour  🙂

 

Lascia un commento