I romani e gli Oscar

Roma agli Oscar

Gli Oscar 2019 hanno premiato Roma di Alfonso Cuarón, vincitore di tre statuette di gran pregio: miglior regia, miglior fotografia e miglior film straniero.
Malgrado il titolo, l’opera del regista messicano non parla della nostra bellissima capitale. Roma è infatti il nome del quartiere di Città del Messico in cui Cuarón è cresciuto.

Roma, la nostra Roma, ha però uno stretto legame con gli Academy Awards.
Sono infatti tanti i romani che, da quando esiste la kermesse di Los Angeles, sono stati insigniti della statuetta più famosa al mondo.
Volete sapere quanti e chi sono?
Leggete qui sotto per scoprirlo…

I Romani vincitori di Oscar

Iniziamo con un non romano che è però molto legato alla capitale del cinema: Vittorio De Sica.
Il grande maestro frusinate, nativo di Sora, ha infatti vinto ben 4 Academy Awards, tutti per il miglior film straniero. 
Si tratta di grandi capolavori immortali: Sciuscià (1948), Ladri di biciclette (1950), Ieri, oggi e domani (1965) e Il giardino dei Finzi Contini (1972).

Anche tra i romani di nascita abbiamo dei nomi celebri; apriamo citando un altro grande regista…

Il nostro Elio Petri, (Roma, 29 gennaio 1929 – Roma, 10 novembre 1982) vince l’Oscar per il miglior film straniero grazia a Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto del 1971.

Miglior Attrice

Risultati immagini per rosa tatuata

Continuiamo con due grandi donne, ognuna a suo modo, icona di femminilità.

Sophia Loren, pseudonimo di Sofia Villani Scicolone, anche se napoletana (di Pozzuoli per l’esattezza), tecnicamente è nata a Roma il 20 settembre 1934. L’immensa Sophia ha vinto il premio Oscar come miglior attrice per La ciociara nel 1962 e nel 1991 è stata poi insignita di un Oscar alla carriera.

La romanissima Anna Magnani l’aveva però preceduta di qualche anno, trionfando nel 1955 grazie a La rosa tatuata (1955).

Miglior Sceneggiatura

Il grande regista genovese Pietro Germi, condivide invece con due romani veraci come Alfredo Giannetti ed Ennio de Concini il merito per la sceneggiatura di Divorzio all’italiana, capolavoro del 1962 sui costumi degli italiani. La sua pellicola aveva ricevuto anche altre due nomination per la miglior regia e il miglior attore protagonista (Marcello Mostroianni).

Risultati immagini per divorzio all'italiana

Scenografia, Fotografia e Costumi

Molti sono anche gli Oscar ricevuti da romani che eccellono in altri ambiti dell’industria cinematografica:

Francesca Lo schiavo-Ferretti, nata a Roma l’11 gennaio 1948 è la talentuosa moglie del geniale scenografo Dante Ferretti.
Insieme, la coppia condivide ben tre Oscar per la miglior scenografia, tutti conquistati negli anni duemila: The aviator (2005), Sweeney Todd (2008) e Hugo (2012).

Anche il direttore della fotografia Vittorio Storaro (Roma, 24 giugno 1940) può vantare tre Oscar.
Il suo decennio d’oro sono gli anni Ottanta che si aprono e si chiudono con titoli di immenso valore coronati con la meritata statuetta: Apocalypse now (1980), Reds (1982) e L’ultimo imperatore (1988).

Osvaldo Desideri (Roma, 16 febbraio 1939)  sempre per L’ultimo imperatore, vince invece il premio per le scenografie.
Risultati immagini per apocalypse now
Vittorio Nino Novarese (Roma, 15 maggio 1907 – Los Angeles, 17 ottobre 1983) di statuette in bacheca ne ha “solo” due. Ha infatti vinto l’Oscar per i costumi con Cleopatra (1964) e Cromwell (1971).

A venti anni di distanza dal Cromwell anche Franca Squarciapino (Roma, 1940) può fregiarsi di un Oscar per i costumi grazie al grande lavoro fatto per il Cyrano de Bergerac del 1991.

A spasso con Daisy, permette invece a Manlio Rocchetti (Roma, 28 novembre 1943 – Miami, 9 gennaio 2017)  di ricevere l’Oscar al miglior trucco.

Musica…maestri!

Gli Oscar per la miglior colonna sonora premiano due nomi conosciuti in tutto il mondo.
Le loro note sono infatti parte della nostra vita da anni.

Nicola Piovani (Roma, 26 maggio 1946) è il primo compositore romano a vincere una statuetta per la colonna sonora de La Vita è bella (1999). Il film trionfa in quell’edizione con la cifra record di sette Academy Awards.

Sorprendentemente, il maestro Ennio Morricone (Roma, 10 novembre 1928), vince il suo primo Oscar solo nel 2016 grazie a  The Hateful Eight di Tarantino. Nel 2007 aveva però già ricevuto l’Oscar alla Carriera. Una carriera destinata a essere a dir poco eccezionale.

Se siete giunti fin qua, ora sapete quanti romani hanno vinto l’Oscar.
Vi invitiamo a seguirci sulla nostra pagina facebook e a prendere parte ai nostri tour cine-letterari e storico-archeologici alla scoperta di Roma, come il tour cine-letterario del Verano in cui ripercorriamo la storia del cinema attraverso i grandi nomi che qui possiamo incontrare.

Ora non vi resta che godervi la soundtrack del grande Morricone.

Lascia un commento