Musei

L’autunno romano è ricco di arte, eventi e cultura

roma-verso-mostre

Le mostre inaugurate la scorsa primavera stanno ormai volgendo a termine, lasciando spazio ad altre esposizioni che si prospettano davvero interessanti.

Fino al 1 ottobre 2017 sarà possibile visitare Cross the Streets, la mostra che porta negli spazi del MACRO di via Nizza alcune opere di street art site specific, tra cui si trovano quelle firmate LucamaleonteDiamond, JBRock. Il percorso espositivo creato dal curatore Paolo Von Vacano ripercorre 40 anni di Street Art, dal Writing fino ad arrivare ai fenomeni più recenti di arte urbana; particolare attenzione alla grande diffusione e al successo che questo fenomeno ha raggiunto nella capitale. Se siete dei veri appassionati di street art, questa mostra merita una visita.

Continuano fino al mese di dicembre gli appuntamenti della terza edizione della rassegna Francia in scena che, come promesso, ha regalato una stagione artistica di grande qualità e ancora molti sono gli eventi in calendario su cui soffermarsi. Qui il programma da consultare.

L’autunno si aprirà con tre grandi esposizioni nelle sedi principali delle mostre romane; in ordine cronologico alle Scuderie del Quirinale, il 22 settembre 2017 è stata inaugurata Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925. La mostra, con opere provenienti dai  grandi musei di Parigi, Londra, Berlino, Barcellona e New York, celebra il centenario del viaggio in Italia di Picasso, fondamentale nella sua arte e nella sua vita privata. Sarà ospitato nel salone di Pietro da Cortona presso Palazzo Barberini, il sipario dipinto per Parade (tela lunga 17 metri e alta 11) per la prima volta a Roma e in un inedito (e riuscitissimo) dialogo con l’architettura e la pittura barocca.

Dal 19 ottobre il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini dedicherà i suoi spazi al padre dell’Impressionismo con l’attesissima mostra Monet. Qui troveremo oltre 60 opere provenienti dal Musée Marmottan Monet.  Esse sono una testimonianza del suo percorso artistico, ma soprattutto dell’artista stesso; si tratta di opere che Monet conservava nella sua ultima dimora di Giverny e che il figlio Michel donò al museo.

Infine, dal 12 ottobre presso l’Ara Pacis, troveremo HOKUSAI. Sulle ombre del maestro. Attraverso la mostra si avrà la possibilità di ammirare circa 200 opere, confrontando la produzione di Hokusai con quella di alcuni tra gli artisti che hanno seguito le sue orme dando vita a nuove linee, forme ed equilibri di colore.

Inoltre, il 23 settembre è stata inaugurata al Chiostro del Bramante “Enjoy. L’arte incontra il divertimento” in cui troveremo una diversa modalità di vivere l’arte, ma soprattutto la volontà di dare “spazio e spazialità” alle opere di artisti che hanno realizzato opere site specific, ovvero da loro pensate proprio per gli ambienti del Chiostro. Alcuni nomi in mostra: Alexander Calder, Mat Collishaw, Jean Tinguely, Leandro Erlich, Tony Oursler, Ernesto Neto, Piero Fogliati, Michael Lin, Gino De Dominicis, Erwin Wurm, Hans Op de Beeck, Studio 65, Martin Creed, Ryan Gander, teamLab.

Anche se meno pubblicizzata sembra molto interessante la mostra I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica sempre al Complesso del Vittoriano, che dal 17 novembre renderà omaggio alla prima macchina fotografica 35 mm provvista di pellicola, alla fotografia d’epoca e a tutti gli artisti che hanno utilizzato la Leica dagli anni venti ai giorni d’oggi, celebrando le loro immagini.

Dal 7 ottobre, a Palazzo delle Esposizioni arriverà Mangasia: Wonderlands of Asian Comics, la prima mostra al mondo sulla storia del fumetto asiatico; un’ampia selezione di opere originali, esposte accanto alle loro controparti commerciali, stampate per il mercato di massa.

Inoltre in arrivo dal 30 settembre al Guido Reni District una serie di 5 “mostre”,  che noi preferiamo definire esposizioni ludico-interattive che tanto appassionano il grande pubblico; in via Guido Reni saranno: “Real Bodies (il grande expo dell’anatomia umana, con 3oltre 00 tra corpi interi  e organi umani veri.); Dinosaur Invasion, (dal Giurassico tornano in vita dinosauri iperrealistici e a grandezza naturale che vi affascineranno tra scienza, storia, tecnologia e intrattenimento); Cosmos Discovery (con reperti NASA), i Lego tornano protagonisti con Brikmania, (il mondo dei mattoncini LEGO®, con oltre 200 pezzi mai visti in Italia tra cui il Titanic di 7 metri) ed infine Scientopolis, (scienza interattiva, con dispositivi e strumenti scientifici sviluppati da un equipe di scienziati).

Fino al 15 ottobre potrete visitare nello splendido palazzo settecentesco di Palazzo Braschi – Museo di Roma, con una splendida vista su Piazza Navona, Piranesi. La fabbrica dell’utopia. Un’ampia selezione delle opere più significative del grande artista veneziano, straordinario incisore all’acquaforte e figura centrale per la cultura figurativa del Settecento europeo.

Fino al mese di dicembre, la tecnologia con ricostruzione 3D, realtà virtuale ed esperienze immersive ci permettono di ammirare gli antichi colori e fasti dell’Ara Pacis in L’Ara com’era e di svolgere una particolare visita al cantiere di restauro della Domus Aurea.

Terminerà a novembre, invece, la possibilità di prender parte ai viaggi nella Roma antica, tra il Foro di Cesare e quello di Augusto con la voce narrante di Piero Angela.

Come sempre Roma offre tantissime opportunità: non c’è che l’imbarazzo della scelta. Quale mostra visiterete o vi piacerebbe visitare?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *